IGNAZIO SCATURRO

È stato uno storico, uno studioso, un intellettuale di ampia cultura, un funzionario dello Stato. È considerato “una delle più valide e rappresentative figure della storiografia siciliana” (nel ricordo della rivista Kronion).

Nato a Sciacca l’8 maggio 1882, è morto a Roma il 28 settembre 1956.

Ha lasciato molte opere: ricerche storiche, studi di legge, un testo umoristico.

Trasferitosi prima a Palermo e poi a Roma, si è laureato in Giurisprudenza nel 1905. Per alcuni anni ha pure esercitato la professione di avvocato, cominciando a scrivere articoli in riviste e giornali (fu tra i collaboratori della rivista culturale Kronion). È poi entrato nella pubblica amministrazione. Al Ministero della Pubblica Istruzione  ha raggiunto il grado di ispettore superiore per le Belle Arti.

Si è fatto notare dai cultori di discipline giuridiche nel 1909 con l’opera I casi di collisione giuridica (edizioni Fratelli Bocca di Torino).

Poi è prevalso il suo interesse per la ricerca storica. Inizialmente ha dato alla luce delle monografie pubblicate nell’Archivio storico siciliano: Dove nacque Agatocle? (1914), Del vescovado triocalitano e croniense (1917), La contessa normanna Giulietta (1921).

Nel 1924-1926, con i tipi dell’editore Majo di Napoli, ha pubblicato La storia della città di Sciacca, opera – secondo lo storico Francesco Cassar, “senz’altro la più organicamente compiuta” in cui si manifesta “tutto il possibile amore per la città natale”.

Nel 1933 ha dato alle stampe i Lineamenti di storia dell’Italia antica (Casa Editrice Albrighi e Segati) libro scritto a scopo educativo per i giovani.

Ha scritto tanti altri lavori come: La religione dei Siculi e dei Sicelioti (1940), Stesicoro e la cultura in Sicilia nei secoli VII e VI a.C. (1941), Agatocle (1942). Nel 1947, per i tipi della Bautta di Venezia, ha pubblicato il volume umoristico Io vero impiegato, memorie di trent’anni di vita amministrativa.

La morte lo ha colto mentre era impegnato a ultimare la monumentale Storia della Sicilia. Aveva già pubblicato i primi due volumi nel 1950, con Raggio Editore di Roma. La sua opera, ricorda lo storico Filippo Chiappisi, “a suo tempo venne lodata da studiosi come Benedetto Croce, Giovanni Gentile, Paolo Orsi e Alessio Di Giovanni”.

La città di Sciacca ha dedicato a Ignazio Scaturro la Villa Comunale e la scuola media a indirizzo musicale di via Santa Caterina.

Raimondo Moncada

 

Fonti

Rivista Kronion

Sciacca, una volta di Filippo Chiappisi

Il Fatto Popolare, articolo di Francesco Cassar

 

GALLERIA DEI PERSONAGGI ILLUSTRI

Profilo biografico inserito  nella Galleria “Uomini illustri” dello spazio internet della Biblioteca comunale “Aurelio Cassar”

LINK 

Portale dei servizi comunali .Via Roma, 13– SCIACCA Centralino: 0925.20111 Partita IVA 00220950844