Tutti gli articoli di RAIMONDO MONCADA

Giunta delibera ricorso al Tar contro il Piano Paesaggistico

sciaccapanoramica

Il sindaco Fabrizio Di Paola e l’assessore all’Urbanistica e Agli Affari Legali Ignazio Bivona rendono noto che la Giunta comunale ha deliberato il ricorso contro il Piano Paesaggistico della provincia di Agrigento redatto dalla Sovrintendenza ai Beni Culturali e Ambientali. La delibera è la numero 20 del 10 febbraio.

Il ricorso, informano, è stato già predisposto dall’Ufficio Legale del Comune di Sciacca congiuntamente con il Settore Urbanistica diretto dall’architetto Giuseppe Bivona. A giorni sarà depositato presso il Tar (Tribunale Amministrativo Regionale) di Palermo.

Il sindaco Di Paola e l’assessore Bivona fanno rilevare come non abbiano sortito alcun effetto sia l’interlocuzione con la Sovrintendenza che il deposito delle osservazioni fatte dal Comune di Sciacca. “Da ciò – spiegano – ne è derivata la necessità di agire in via giurisdizionale al fine di tutelare il nostro territorio nei confronti di un piano che ne limita fortemente lo sviluppo e che non ha visto alcun ruolo da parte del Comune nella sua elaborazione, essendo stata di certo monca la fase della concertazione. L’autorità giurisdizionale, a cui abbiamo deciso di rivolgerci, sarà chiamata a verificare tutte le carenze del piano. L’Amministrazione comunale coglie l’occasione per ringraziane gli ordini professionali, con i quali è stato avviato un tavolo di concertazione, per il contributo fornito al Comune. Nella redazione del ricorso, si fa espressamente riferimento alle criticità del piano che proprio gli stessi ordini professionali hanno sollevato”.

Intervento in favore di anziani ultra settantacinquenni non autosufficienti

palazzomunicipale

Intervento in favore di anziani ultrasettantacinquenni in condizioni di non autosufficienza. L’iniziativa è dell’Assessorato regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro. Ne possono beneficiare anche i cittadini residenti a Sciacca.

Il sindaco Fabrizio Di Paola e l’assessore alle Politiche Sociali Daniela Campione rendono noto che il Comune di Sciacca, tramite il dirigente del Primo Settore Michele Todaro, ha emesso un avviso pubblico dove sono illustrate tutte le modalità per accedere ai benefici.

Si tratta, spiegano il sindaco Di Paola e l’assessore Campione, di servizi erogati attraverso vaucher finalizzati alla cura e all’assistenza della persona.

Può presentare domanda l’anziano untrasettantacinquenne, disabile grave o invalido al 100 per 100, con Isee con un valore massimo di 7.000 euro. Le domande vanno presentate all’Ufficio Protocollo del Comune di Sciacca. La scadenza è fissata per il 23 febbraio.

“Cocci di ceramica” e di Carnevale, aperta la mostra al Circolo di Cultura

mostra cocci di ceramica inaugurazione

Aperta ufficialmente ieri sera al Circolo di Cultura, la mostra di ceramica “Cocci di ceramica”, iniziativa collaterale del Carnevale di Sciacca edizione 2015, promossa dal Comune di Sciacca e dall’Associazione dei Ceramisti. Presenti all’inaugurazione l’assessore al Turismo e alla Promozione della Ceramica Salvatore Monte e i maestri ceramisti autori delle opere in esposizione.  La mostra potrà essere visitata per tutto il periodo del Carnevale nella sede del Circolo di Cultura, in Corso Vittorio Emanuele, per ammirare le creazioni artistiche dedicate alla festa che inizierà, con la sfilata dei carri allegorici e dei gruppi mascherati sabato prossimo, 14 febbraio 2015.

“Ringrazio l’Associazione dei Ceramisti di Sciacca – dice l’assessore Salvatore Monte – per la fruttuosa collaborazione e per produzioni che sono sempre di altissimo livello artistico. Una mostra, da vedere, che esalta la ceramica saccense e che rende omaggio al nostro carnevale. Ci sono opere dedicate alla nostra festa, con sculture di Peppe Nappa e piatti. Ma non mancano i tradizionali albarelli, lampade e altri tipiche creazioni rese sempre in modo originale”.

Carnevale di Sciacca 2015, Peppe Nappa simbolo della libertà di satira

carlo sterpone - cartolina carnevale di sciacca 2015

Un Peppe Nappa, maschera simbolo del Carnevale di Sciacca, diventa simbolo anche della libertà di satira nel mondo. Carlo Sterpone, tra i più apprezzati caricaturisti italiani, con la sua matita e il suo estro torna a disegnare per la festa.

L’artista torinese – informa l’assessore alla Cultura Salvatore Monte – ha realizzato l’illustrazione che sarà stampata su una cartolina in distribuzione da sabato prossimo, 14 febbraio, giorno di apertura delle sfilate dei carri allegorici e dei gruppi mascherati.

Carlo Sterpone si è ispirato ai recenti, tragici, eventi accaduti in Francia, con l’attentato alla sede di Charlie Hebdo. Ha così disegnato un Peppe Nappa viandante del mondo, simboleggiante la satira e la libertà di pensiero. Porta con sé un fagotto, tenuto da una lunga matita, con un pianeta pieno di speranze e di vita. Cammina su un 2015 crivellato da qualche buco di proiettile. Indossa una collana realizzata non con pezzi di salsiccia (caratteristica del personaggio carnascialesco), ma con piccole matite che riportano i colori delle bandiere di varie nazioni. È una immagine – dice lo stesso Carlo Sterpone – che richiama pieno rispetto per la satira e per chi fa satira. Non si può morire per un disegno, per un libero pensiero, per un’idea.

L’assessore Salvatore Monte ringrazia l’artista torinese per la sua generosa sensibilità e per la sua opera che dà un tocco di umanità alla festa e invita tutti al ricordo e alla riflessione.

Carlo Sterpone è un affezionato del Carnevale di Sciacca. Nel 2003, assieme al caricaturista Giannelli e al premio Nobel Dario Fo, – ricorda l’artista – , realizzò le cartoline da collezione a fini umanitari e fu coinvolto anche come membro della giuria della festa. Negli anni ha realizzato altre opere. Collabora con giornali, riviste, case editrici di rilievo nazionale. Tra i prestigiosi riconoscimenti ricevuti, nel 2004 è stato premiato dall’allora presidente della Repubblica Ciampi per la vittoria al Concorso nazionale indetto dall’Arma dei Carabinieri dedicato al Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso dalla mafia.