Tutti gli articoli di RAIMONDO MONCADA

Agevolazioni Tari, avviso pubblico rivolto a famiglie in stato di disagio

atrio inferiore comune

Agevolazioni per la Tari, la tariffa da corrispondere per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. L’assessore alle Politiche Sociali Daniela Campione comunica che il Comune di Sciacca ha emanato un bando per l’accesso al contributo per la copertura della Tari – anno 2014, rivolto alle famiglie che versano in condizioni economiche disagiate.

 

Un avviso pubblico, a firma del dirigente del 1° Settore Affari Generali Michele Todaro, è stato pubblicato sul sito internet del Comune di Sciacca nella sezione “Bandi e concorsi”. Nella stessa sezione, si può anche scaricare il modello di domanda che, opportunamente compilata, va presentata all’Ufficio Protocollo del Comune entro il prossimo 30 marzo 2015.

 

Requisiti

I beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti: residenza nel Comune di Sciacca, attestato ISEE – in corso di validità e rilasciato da soggetto abilitato secondo normativa vigente – non superiore a € 4.500,00.

 

Indicazioni sul contributo tariffario

I contributi – è scritto nell’avviso – saranno riconosciuti agli aventi diritto fino a concorrenza della somma disponibile in bilancio e saranno assegnati secondo l’ordine della relativa graduatoria formata sulla base dell’I.S.E.E. dei richiedenti, a cominciare dagli I.S.E.E. più bassi. E’ possibile beneficiare del contributo esclusivamente per gli importi della TARI anno 2014. Il contributo accordato verrà erogato applicando una riduzione sulla tariffa spettante.

 

Beneficiari e condizioni di ammissibilità

Il richiedente, di età superiore ai 18 anni, deve: appartenere a un nucleo familiare nel quale sia presente l’intestatario dell’utenza TARI relativa ad un alloggio ad uso abitativo. Non possono essere presentate domande di contributo riguardanti locali commerciali, abitazioni identificate con categorie catastali diverse DA A3, A4, A5 e A6 e qualunque altro immobile diverso dall’abitazione.

Viadotto Cansalamone, il sindaco Di Paola: “Importanti novità per progetto e finanziamento”

sindaco di paola ass bivona

Importanti novità sul Viadotto Cansalamone, chiuso al traffico veicolare per problemi di stabilità. Le comunica il sindaco Fabrizio Di Paola.

“L’intervento risolutivo per mettere in sicurezza il viadotto per il quale lavoriamo da tempo con carattere d’urgenza – rende noto il sindaco Fabrizio Di Paola – è stato inserito nell’elenco di opere di intervento previste per la mitigazione del rischio idrogeologico predisposto dall’assessorato Regionale Territorio e Ambiente. Tali interventi – ho avuto comunicazione dal presidente della Commissione Ambiente del Senato Giuseppe Marinello – trovano finanziamento attraverso l’autorizzazione di spesa prevista dalla delibera Cipe del 20 febbraio. L’elenco con tutti gli interventi finanziati dal Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica sarà pubblicato entro il prossimo mese di aprile. Attendiamo con fiducia. Dopo la pubblicazione ufficiale dell’elenco delle opere finanziate dal Cipe, illustreremo tutti i dettagli del procedimento e le iniziative che sono state promosse a vari livelli per riuscire a mettere in sicurezza un viadotto di così grande importanza per la viabilità cittadina. L’importo dell’intervento è di 2 milioni e 930 mila euro. Un intervento, dunque, cospicuo per risolvere definitivamente il problema della stabilità del ponte. Ringrazio fin da adesso il presidente della Commissione Ambiente del Senato Giuseppe Marinello per l’impegno profuso a sostegno del Comune di Sciacca per la risoluzione di una emergenza di così grande rilievo”.

Il sindaco Fabrizio Di Paola accenna alle interlocuzioni e agli incontri degli ultimi mesi con diversi enti: “con il Genio Civile di Agrigento che sta lavorando per la definizione delle procedure, con l’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente, con l’Ufficio del Commissario per la Realizzazione degli interventi per la Mitigazione del Rischio Idrogeologico nella Regione Siciliana”. Lo scorso 26 febbraio l’assessore regionale al Territorio e Ambiente Maurizio Croce ha convocato a Palermo un tavolo tecnico sul viadotto Cansalamone. È seguita una richiesta del sindaco Fabrizio Di Paola per l’indizione di un nuovo incontro “volto alla definizione dell’iter procedurale, d’intesa con il Genio Civile di Agrigento, stante l’importanza e l’urgenza dell’intervento”.

Estate Saccense 2015, invito a presentare istanze-proposte

foto 032

Gli assessori Salvatore Monte e David Emmi invitano le associazioni e, in generale, quanti sono interessati, a presentare al Comune di Sciacca proposte per iniziative di spettacolo, di cultura e manifestazioni di carattere sportivo da organizzare nel periodo estivo. Ciò per agevolare e iniziare in anticipo il lavoro di programmazione del cartellone dell’Estate saccense che si andrà a predisporre.

Le istanze, con le proposte, vanno presentate  entro le ore 12 del 30 aprile 2015.

Per una questione operativa, le domande per le iniziative culturali, di intrattenimento e di spettacolo vanno indirizzate: al sindaco, all’assessore allo Spettacolo e al dirigente del III Settore del Comune di Sciacca. Le domande per le manifestazioni sportive, invece, vanno indirizzate: al sindaco, all’assessore allo Sport e al dirigente del III Settore del Comune di Sciacca.

Pronto Soccorso, il sindaco Di Paola si rivolge al direttore generale dell’Asp

8

Il sindaco Fabrizio Di Paola si rivolge al direttore generale dell’Asp 1 di Agrigento Salvatore Lucio Ficarra per segnalare una “insopportabile situazione” al Pronto Soccorso del Giovanni Paolo II. Il sindaco chiede un incontro per un esame del servizio che viene erogato ai cittadini, per capire quali provvedimenti si vogliono adottare e con quale tempistica.

“Da giorni, cittadini, – scrive oggi il sindaco Di Paola in una lettera indirizzata al direttore dell’Asp Ficarra – mi segnalano un’insopportabile situazione al Pronto Soccorso dell’ospedale di Sciacca. L’equipe di medici e infermieri in servizio, pur moltiplicando le forze e operando con encomiabile dedizione e professionalità, non riesce a far fronte in tempi accettabili alle quotidiane richieste di cure immediate dei pazienti che si rivolgono alla struttura”.

“Mi viene illustrato – aggiunge il sindaco Di Paola – un quadro sconfortante che non fa onore al nostro nosocomio, con un disservizio che provoca le legittime lagnanze da parte dei cittadini costretti a lunghe, interminabili attese: i posti di osservazione breve nello stesso reparto di Pronto Soccorso sono sempre saturi, con pazienti in  attesa di essere trasferiti nei reparti. Si nota anche nei corridoi la presenza di decine di pazienti in barella, in lettino o sulle sedie a rotelle, sempre in attesa di un posto letto nei reparti. A svolgere servizio notturno è un medico costretto, da solo, a gestire i pazienti di emergenza e un’altra decina di persone con vari codici più o meno gravi. La situazione al Pronto Soccorso, mi dicono, si è aggravata da quando, nel maggio del 2014, ha chiuso mezzo reparto di Medicina. Il personale medico e infermieristico è allo stremo, in quanto sottoposto a uno stress continuo per garantire, in una situazione d’emergenza, il massimo di assistenza ai cittadini”.

Il sindaco Fabrizio Di Paola chiede un riscontro urgente ai vertici dell’Asp di Agrigento.