Incontro con Aido sulla donazione di organi, azione di sensibilizzazione per salvare più vite

 

Donazione di organi a Sciacca. Se ne è parlato nel corso di un incontro in video conferenza promosso dall’assessore alle Politiche Sociali Gisella Mondino e dalla presidente della sezione locale dell’Aido “Carola Benedetta Catanzaro” Francesca Licari. Ci sono stati interventi di testimonianza di chi ha ricevuto una nuova vita con la donazione degli organi e di chi ha donato.

Francesca Licari ha invitato all’incontro, presentandone il valore del ruolo e l’importanza del gesto: Chiara Coticchio del CRT Sicilia – Arnas Civico, referente del progetto “Una scelta in comune” e i testimoni diretti dell’esperienza della donazione: Salvatore Urso che nel 2009 ha ricevuto un organo, e Anna Tedesco mamma di Sofia, di 16 anni, che ha donato gli organi salvando 7 persone tra cui 2 bambini.

“È stato un incontro importante e proficuo – dice l’assessore Gisella Mondino – in quanto è stata evidenziata la necessità di promuovere una maggiore azione di sensibilizzazione della cittadinanza che, con un semplice gesto, può aiutare l’altro: il parente, l’amico, il vicino di casa e anche se stesso. A volte ci si dimentica, quando si parla di donazione di organi, che ci si può trovare sia dalla parte di chi dona sia dalla parte di chi riceve. Lo hanno ben evidenziato le commosse testimonianze di chi ha partecipato all’incontro. La volontà di donare i propri organi rappresenta un gesto di sensibilità e di generosità. Spesso parliamo di possibilità di donare dimenticando che si può anche ricevere un organo, parte di tessuto, cellule, e che l’atto del donare porta in sé un valore etico-civico-solidaristico oltrepassando concetti quali razza o religione. Ricevere, infatti, diventa l’altra faccia della medaglia del donare e insieme rappresentano possibilità di vita e di sopravvivenza”.

L’incontro con l’Aido ha evidenziato, dunque, la necessità di “incentivare il circuito della donazione, trovare lo spazio per l’informazione, ricreare una maggiore consapevolezza, rimarcare il concetto di salute e riscrivere una nuova umanità”.