Emergenza Covid-19, riorganizzazione accesso al pubblico nel Palazzo Municipale

Riorganizzazione nel ricevimento del pubblico, con limitazioni, nel Palazzo Municipale di Sciacca. È una misura disposta a seguito dell’incontro che il sindaco Francesca Valenti ha avuto con il segretario generale Alessandra Melania La Spina e i dirigenti comunali. Una misura di prevenzione, in aggiunta ad altre già assunte, che si attua all’interno degli uffici comunali e soprattutto negli uffici che svolgono attività a diretto contatto con il pubblico, nel rispetto dei provvedimenti emanati dalle autorità competenti e dell’ultimo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, nell’ambito delle azioni di contrasto e di contenimento del coronavirus in tutto il territorio nazionale.

Ecco alcune misure:

  • Accesso contingentato dei cittadini negli uffici adibiti alla ricezione del pubblico su appuntamento fissato preventivamente con gli uffici per pratiche urgenti e/o in scadenza, al fine di evitare code o assembramenti;
  • Ci sarà l’indicazione al front office di fare accedere solo i soggetti che hanno appuntamento fissato preventivamente con gli uffici;
  • L’utilizzo dell’ascensore del Palazzo Municipale sarà limitato ai cittadini portatori di handicap;
  • Gli uffici adibiti al ricevimento del pubblico, o in generale, i locali frequentati da personale esterno, saranno organizzati al fine di evitare assembramenti e code, scaglionando gli accessi. Gli utenti accederanno uno alla volta, attendendo l’uscita dal locale dell’utente precedente;
  • All’interno degli uffici, con particolare riferimento a quelli in cui è previsto l’accesso del pubblico, si dovrà mantenere, nei locali, la distanza di almeno un metro tra i presenti, sia personale dell’Ente che utenti.

Cambia modalità la mensa della solidarietà

Prosegue l’attività della mensa della solidarietà, ma con modalità differenti, per venire incontro alle disposizioni impartite dalle autorità. L’assessore alle Politiche Sociali Gisella Mondino rende noto che la sede di via Santa Caterina sarà aperta mercoledì dalle ore 16 alle ore 19, ma la mensa con pasti caldi sarà sostituita con la consegna di pacchi spesa ai bisognosi con prodotti e cibo secco.

L’assessore Mondino chiede ai supermercati della città di mettersi in contatto con l’Assessorato al fine di promuovere il recupero delle eccedenze alimentari e la successiva redistribuzione alle strutture caritatevoli e agli enti che si occupano di assistenza e di aiuto ai poveri e agli emarginati.