DPCM del 4 marzo e sospensione delle attività scolastiche

Il sindaco Francesca Valenti e l’assessore alla Pubblica Istruzione Gisella Mondino prendono atto delle nuove misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 annunciate nel pomeriggio dal Governo nazionale, contenute in un Dpcm del presidente del Consiglio dei Ministri. Provvedimento, viene specificato, che si applica sull’intero territorio nazionale.

Tra le tante misure è prevista, a partire da domani e fino al 15 marzo 2020, la sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché la frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, comprese le Università e le Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica, di corsi professionali, master e università per anziani, ferma in ogni caso la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza.

I servizi educativi per l’infanzia – si precisa – sono nidi e micronidi sezioni primavera, statali o paritarie, servizi integrativi, quali spazi gioco, che accolgono bambine e bambini da dodici a trentasei mesi di eta’ affidati a uno o piu’ educatori; centri per bambini e famiglie, che accolgono bambine e bambini dai primi mesi di vita insieme a un adulto accompagnatore;. servizi educativi in contesto domiciliare, comunque denominati e gestiti, che accolgono bambine e bambini da tre a trentasei mesi e concorrono con le famiglie alla loro educazione e cura;  servizi educativi per l’infanzia gestiti dagli Enti locali in forma diretta o indiretta, da altri enti pubblici o da soggetti privati; sezioni primavera, i poli per l’infanzia.

LINK DPCM 4 MARZO 2020