Promozione della lettura tra i bambini, adesione al programma nazionale “Nati per leggere”

Il Comune di Sciacca, attraverso la biblioteca “Aurelio Cassar”, aderisce a “Nati per leggere”, programma nazionale di promozione della lettura rivolto alle famiglie con bambini in età scolare. L’adesione è stata approvata con delibera della Giunta comunale. Ne danno notizia il sindaco Francesca Valenti e l’assessore alla Cultura Gisella Mondino.

Il programma “Nati per leggere” è stato avviato su scala nazionale nel 1999 dall’associazione italiana Biblioteche, dall’Associazione Culturale Pediatri e il Centro per la Salute del Bambino al fine di promuovere concretamente nelle famiglie la lettura rivolta ai bambini fino a sei anni di età. L’iniziativa ha come base l’alleanza tra pediatri e bibliotecari, figure professionali diverse ma accomunate dall’obiettivo di accrescere, attraverso la lettura condivisa in famiglia, lo sviluppo affettivo e culturale dei bambini. Numerose ricerche scientifiche hanno documentato l’importanza della lettura ad alta voce ai bambini per favorire e sostenere una loro crescita armoniosa ed equilibrata.

Randagismo, Comune di Sciacca aderisce a progetto “Osar”

La Giunta comunale ha approvato il contenuto del protocollo d’intesa che sarà stipulato tra il Comune di Sciacca-Settore Ecologia e l’associazione Balzoo – Banco Italiano zoologico onlus per la realizzazione del progetto “Osar” – Operazione Sterilizzazione Autonoma Randagi.

Ne dà notizia il sindaco Francesca Valenti.

Il progetto Osar – si legge nella delibera – prevede attività finalizzate alla “cura, sterilizzazione, affidamento temporaneo, adozione e/o eventuale mantenimento in strada dei cani vaganti nel territorio e sprovvisti di proprietario, a garanzia della loro salute e del loro benessere, allo scopo di evitare le riproduzioni naturali e così fronteggiare il fenomeno del randagismo canino”.

 

Giunta delibera intitolazione del Museo del Mare a Vincenzo e Sebastiano Tusa

La Giunta comunale ha deliberato l’intitolazione del Museo del Mare di Sciacca ai professori Vincenzo e Sebastiano Tusa. Ne danno notizia il sindaco Francesca Valenti e l’assessore alla Cultura Gisella Mondino.

“Un omaggio doveroso – dichiarano – a due insigni storici e archeologi siciliani, molto legati alla città di Sciacca”

Dopo l’approvazione della Giunta, si attiverà il necessario iter autorizzativo con la Prefettura di Agrigento che sarà curato dal dirigente del I Settore Michele Todaro.

I professori Vincenzo e Sebastiano Tusa, si evince dalle motivazioni della delibera di Giunta, hanno avuto un legame molto forte con Sciacca: “Sono archeologi che si sono contraddistinti per la loro professionalità e il loro impegno in diversi siti storici siciliani nonché per il loro impegno profuso a favore della città di Sciacca, promuovendo studi su Sciacca e il suo territorio, mettendo in luce la presenza di civiltà panelleniche, fenicio-punica, sicana ed elima (prof. Vincenzo Tusa) e un’azione di impulso a favore dell’istituzione del Museo del Mare di Sciacca, promuovendo la musealizzazione dei reperti recuperati nelle varie campagne subacquee effettuati nel mare di Sciacca (prof. Sebastiano Tusa)”.

Giornata della memoria, il 27 gennaio in Sala Blasco “Olocausto, di madre in figlia”

Olocausto, di madre in figlia. È il titolo dell’iniziativa che si svolgerà il 27 gennaio 2020 a Sciacca, nella Sala Blasco del Palazzo Municipale, con inizio alle ore 17,30, in occasione della giornata internazionale della memoria, istituita dall’ONU per non dimenticare la tragedia della Shoah e commemorarne le vittime.

È promossa dal Comune di Sciacca, assessorato alla Cultura, tramite la biblioteca “Aurelio Cassar”, con l’associazione culturale “Nova” ed è inserita nella rassegna di letteratura, arte e scienze “Lager” che vede il concorso e la partecipazione di altri soggetti come l’UniTre, l’associazione “Amici del Museo del Mare” il Circolo di Cultura, Skenè Academy, il magazine Tinkit e il comando della Polizia Municipale “Giovanni Fazio”.

Il primo appuntamento di “Lager” è il 27 gennaio con Olocausto, di madre in figlia. L’esperienza dei campi di sterminio sarà raccontata con Diamo voce ai libri attraverso le opere di chi è sopravvissuto e dei loro figli, che ne hanno ereditato il trauma: La scelta di Edith della psicologa Edith Eva Eger, scampata ad Auschwitz, e Di madre in figlia della scrittrice Helen Epstein, figlia di genitori internati nei lager nazisti.

L’incontro sarà aperto dai saluti istituzionali del sindaco Francesca Valenti, del presidente di Unitre Sciacca Alberto Sutera e di Giovanni Tagliavia dell’associazione “Amici del Museo del Mare”.

Il momento dell’approfondimento storico e letterario sarà condotto dall’italianista Myriam Maglienti, con il contributo scientifico della psicoterapeuta Maria Grazia Bonsignore. Le letture saranno di Paola Caracappa, con il contributo artistico della Skenè Academy.

Interverranno Anthony Francesco Bentivegna e Raimondo Moncada curatori delle iniziative della rassegna “Lager”, il cui filo conduttore è il tema “Trasmissioni”.