Natale a Sciacca 2019, le iniziative del 23 dicembre

Concerti, animazioni, presepe. Sono alcune le iniziative di oggi inserite nel calendario di “Natale a Sciacca 2019”, messo a punto dal Comune di Sciacca in collaborazione con associazioni, comitati, club service, scuole, il circolo di Cultura, artisti, Sciacca Film Fest, Spazio Centro e Confcommercio.

Ecco gli appuntamenti in programma:

Alle ore 18,30, inizio dello spettacolo itinerante delle Antiche Serenate Siciliane per le vie e le piazze del centro storico con canti della tradizione del Natale.

Alle ore 19, nella chiesa del Collegio, concerto dei Sicilia Antica, con musiche e canti della tradizione siciliana che il gruppo sta proponendo, con i tipici strumenti, in un percorso all’interno di luoghi sacri della città.

Alle ore 19, nella chiesa dei Cappuccini, nell’ambito delle iniziative del Presepe Vivente, a cura della parrocchia Beata Maria Vergine di Fatima, drammatizzazione dal tema “La nascita di Gesù” e i cantastorie.

Nel pomeriggio ci sarà la Ztl, dalle ore 17 alle 21, con animazioni in centro storico organizzate in collaborazione con i commercianti di Spazio Centro e Confcommercio. Attivo anche il servizio di bus navetta dal parcheggio dell’area delle Terme.

Natale a Sciacca 2019, biglietti gratuiti del bus navetta

Biglietti gratuiti dell’autobus navetta per andare in centro, partecipare alle iniziative, fare shopping, godersi la città. Una iniziativa dell’Amministrazione comunale in sintonia con l’Associazione Spazio Centro, la Confcommercio e la Cooperativa Aeternal. I biglietti possono essere ritirati nei negozi aderenti a Spazio Centro e presso l’Ufficio Turistico. È quanto rende noto l’assessore Sino Caracappa.

“I biglietti – spiega l’assessore Caracappa – danno diritto ad una corsa andata e ritorno lungo il circuito che quotidianamente il bus navetta effettua dal parcheggio dell’area termale e fino al centro storico, fino al 30 dicembre”.

“Per noi – conclude l’assessore Caracappa – rappresenta il primo passo verso una trasformazione socio-ecologica di vivere la città, una misura sperimentale, ma  un modello da replicare in futuro per potere vivere meglio il centro storico, i suoi monumenti, le sue attività”.