Ufficio Tecnico, un sistema informatizzato per presentare progetti e richieste al Settore Urbanistica

    

Un sistema informatizzato per semplificare il rapporto tra il Settore Urbanistica dell’Ufficio Tecnico, i cittadini, gli operatori tecnici ed economici. Sarà attivato all’inizio del nuovo anno utilizzando il sito internet del Comune di Sciacca. È quanto rendono noto il sindaco Francesca Valenti e l’assessore all’Urbanistica Fabio Leonte.

Per presentare l’iniziativa agli interessati, è stato promosso un incontro per venerdì prossimo 20 dicembre 2019, alle ore 9, nella Sala Blasco del Palazzo Municipale. Il dirigente del 5 Settore del Comune di Sciacca Giovanni Bono e tecnici informatici illustreranno nel dettaglio il funzionamento del sistema, con il software dell’area tecnica del Settore Urbanistica (pratiche edilizie, carta fondamentale, sportello unico edilizia e sportello unico attività produttive). Attraverso l’attivazione della piattaforma sarà possibile presentare progetti e richieste varie (C.I.L., C.I.L.A., permessi di costruire, S.C.I.A., D.I.A, S.C.A, ecc.) ai quali si potrà accedere attraverso il sito internet istituzionale del Comune di Sciacca.

Natale a Sciacca 2019, le iniziative del 18 dicembre

Canti tradizionali per le vie del centro e un recital a Palazzo di Città. Sono le iniziative di oggi inserite nel calendario di “Natale a Sciacca 2019”, messo a punto dal Comune di Sciacca in collaborazione con associazioni, comitati, club service, scuole, il circolo di Cultura, artisti, Sciacca Film Fest, Spazio Centro e Confcommercio.

Ecco gli appuntamenti previsti nel programma:

Alle ore 16,30 nella Sala Blasco, letture tratte dal libro di Bianca Pitzorno Il sogno della macchina da cucire e momenti di riflessione sull’emancipazione femminile a cura della Fidapa di Sciacca. L’iniziativa si lega alla mostra di sartoria solidale “CuciAMO legami”.

Alle ore 18,00 inizio dello spettacolo itinerante delle Antiche Serenate Siciliane per le vie e le piazze del centro storico con canti della tradizione del Natale.

Sciacca plastic free, le misure dal 1° gennaio 2020

Sciacca “plastic free”, libera dalla plastica. Dal primo gennaio 2020 scattano le ultime misure previste nell’ordinanza sindacale numero 9 del febbraio 2019. Il provvedimento detta precise “disposizioni alle attività commerciali, e non, per la minimizzazione dei rifiuti, l’incremento della raccolta differenziata e la riduzione dell’impatto ambientale, con divieto dell’uso e della conseguente commercializzazione di contenitori, di stoviglie monouso e altro materiale non biodegradabile”.

È quanto ricorda il sindaco Francesca Valenti invitando i destinatari ad attenersi alle misure previste nell’ordinanza di cui è possibile prendere visione nel link creato sull’homepage del sito internet istituzionale denominato “Sciacca plastic free”.

DESTINATARI – Destinatari delle disposizioni che scatteranno il 1° gennaio 2020 sono “i titolari che esercitano sul territorio comunale le attività di ristorazione, quali bar, pub, birrerie, ristoranti, pizzerie, paninerie, take away, rosticcerie, friggitorie e attività similari aventi quale finalità la somministrazione di alimenti e bevande (inclusi gli stabilimenti balneari e i chioschi) nonché gli esercizi per i generi alimentari, quali supermercati, botteghe di vicinato, salumerie ecc. e ogni altro esercizio e centro vendita abilitato alla vendita di stoviglie per alimentari.

DISPOSIZIONI – I destinatari, sopra indicati, “dovranno esercitare agli acquirenti esclusivamente la vendita, la distribuzione, l’utilizzo e il consumo di ‘materiale monouso’ del tipo biodegradabile e/o compostabile, quale: posate, piatti, bicchieri, cannucce, mescolatori per bevande, aste per palloncini, bastoncini cotonati, cotton fioc.

In occasione di feste pubbliche e sagre, i commercianti, i privati, le associazione, i comitati, gli enti, potranno distribuire al pubblico esclusivamente materiale monouso del tipo biodegradabile e/o compostabile.

L’ordinanza fa obbligo a tutti i residenti e o visitatori di utilizzare esclusivamente “materiale monouso” del tipo biodegradabile e/o compostabile (sacchetti da asporto, posate, piatti, bicchieri, coppe, coppette, ciotole, ciotoline ecc.

L’1 aprile 2019 – si ricorda – era scattata la prima fase, con il divieto per gli esercenti le attività commerciali, artigianali e di somministrazione di alimenti e bevande, di distribuire ai clienti sacchetti da asporto monouso in materiale non biodegradabile.

LINK ORDINANZA