Progetto “Sicurezza Città” con video sorveglianza, il Comune partecipa al bando del Ministero dell’Interno

87 telecamere per 38 postazioni per la video sorveglianza dei punti più sensibili del territorio comunale di Sciacca. Sono alcuni numeri del progetto che è stato presentato a finanziamento al Ministero dell’Interno. È quanto rendono noto il sindaco Francesca Valenti e il vicesindaco e assessore alla Sicurezza Urbana Filippo Bellanca.

“Il progetto – dicono – è stato presentato entro la scadenza del 30 giugno, nella prima finestra del bando del Ministero che prevede in totale tre annualità. Si sta dando così seguito all’impegno assunto all’inizio del mandato per la messa in sicurezza del territorio, un’iniziativa che porteremo avanti anche con nostri fondi”.

“L’importo richiesto al Ministero dell’Interno – spiegano il sindaco Valenti e l’assessore Bellanca – è di circa 400 mila euro e prevede una compartecipazione del comune di Sciacca di 100 mila euro. Questa somma è inserita nell’approvando bilancio comunale. Il progetto sicurezza messo a punto dall’Amministrazione comunale copre tutte le zone sensibili del centro, degli ingressi alla città e dei quartieri più periferici, come località Isabella, Fontana Calda, Raganella, San Calogero, Piana Scunchipani, Stazzone, Perriera, Ferraro, San Marco e tante altre località”.

Il progetto è stato presentato a finanziamento dopo la sottoscrizione con la Prefettura di Agrigento, nei giorni scorsi, del “Patto per l’attuazione della Sicurezza Urbana” i cui contenuti sono stati approvati precedentemente dalla Giunta comunale.

“Le strategie congiunte adottate dal nostro Comune e dalla Prefettura – concludono il sindaco Francesca Valenti e l’assessore alla Sicurezza Filippo Bellanca – sono volte a migliorare la sicurezza dei quartieri e anche la percezione di sicurezza dei cittadini e dei turisti; e a contrastare, con i nuovi sistemi tecnologici, ogni forma di illegalità, favorendo così l’impegno delle forze dell’ordine per far fronte ad esigenze straordinarie del territorio”.

Progetto di ristrutturazione della scuola “Inveges”, chiesto finanziamento di oltre un milione di euro

Oltre un milione di euro. È il finanziamento richiesto dall’Amministrazione comunale di Sciacca nell’ambito dell’avviso pubblico, emesso dall’Assessorato regionale dell’Istruzione, per la nuova programmazione degli interventi in materia di edilizia scolastica per il triennio 2018/2020, recante misure urgenti in materia di istruzione, Università e ricerca, e per la concessione di contributo per la messa a norma antincendio degli edifici scolastici.

È quanto comunicano il sindaco Francesca Valenti, l’assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Neri e l’assessore alla Pubblica Istruzione Annalisa Alongi.

L’avviso pubblico ha lo scopo di favorire interventi straordinari di ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento sismico, efficientamento energetico di immobili di proprietà pubblica adibiti all’istruzione scolastica statale di proprietà degli enti locali, nonché la costruzione di nuovi edifici scolastici, compresi i poli dell’infanzia e la realizzazione di mense e di palestre scolastiche nelle scuole.

Il Comune di Sciacca – rendono noto il sindaco Valenti e gli assessori Neri e Alongi – ha predisposto una progettazione di livello definitivo per la quale è stata inoltrata istanza di finanziamento per l’importo di 1.100.000,00 euro sulla Piattaforma ARES (Anagrafe regionale edilizia scolastica) relativamente ad un intervento di “Demolizione di un piano terra e realizzazione di un corpo di fabbrica di 3 elevazioni accorpato all’edificio scolastico Inveges” .

Il sindaco Valenti e gli assessori Neri e Alongi ringraziano gli uffici per la fattiva collaborazione.