Riconoscimento per il Carnevale di Sciacca, sarà inserito nel Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia

carnevale 2018 - peppe nappa

Il Carnevale di Sciacca sarà inserito nel nuovo Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia. La Commissione istituita presso l’Assessorato regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana ha accolto la richiesta del Comune di Sciacca nella seduta dello scorso 23 febbraio. È quanto rendono noto il sindaco Francesca Valenti e il vicesindaco Filippo Bellanca nel compiacersi per il prestigioso riconoscimento.

“Siamo davvero contenti per un bene che appartiene alla Città di Sciacca di grandissimo valore storico, artistico, identitario – dichiarano il sindaco Valenti e il vicesindaco Bellanca –. È un riconoscimento che abbiamo auspicato. La Regione Siciliana ha accolto un’istanza presentata dalla precedente Amministrazione, su input dello storico del carnevale Pippo Verde che da tempo segue e studia l’evento che quest’anno è stato celebrato con un’edizione degna della sua lunga tradizione. Esprimiamo il nostro compiacimento anche per la motivazione formulata dalla Commissione regionale che va ad aggiungersi al recente inserimento del Carnevale di Sciacca tra i Carnevali storici d’Italia da parte del Ministero dei Beni Culturali e all’adesione all’associazione nazionale Carnevalia. Con l’ultimo riconoscimento si consolida l’evento Carnevale di Sciacca come grande attrazione e traino turistico di un territorio importante, ricco di tante altre risorse che meritano un altrettanto prestigioso riconoscimento”.

Questa la motivazione:  

“Il Carnevale di Sciacca viene unanimemente accettato per chiara fama in quanto esso, già documentato nel 1626 e nell’800 citato da Giuseppe Pitrè, coinvolge gran parte della popolazione, vuoi per la laboriosa preparazione dei carri che nella fruizione della festa stessa. Fin dal 1882 si accetta la composizione di testi dialettali che accompagnano gruppi e carri nel corso della manifestazione”.

Il sindaco Francesca Valenti e il vicesindaco Filippo Bellanca comunicano, infine, che è stato avviato l’iter per provare a inserire nel nuovo registro delle Eredità Immateriali della Sicilia altri beni della città di Sciacca, “considerato il suo ricco e variegato patrimonio storico, culturale, religioso, spirituale, artistico”. Tra i beni a cui si è pensato il sacro rito in onore della patrona Madonna del Soccorso e i mestieri del ceramista e del corallaio.