“Sciacca vola!”, promozione della Città e del suo Carnevale nell’aeroporto di Palermo

carnevale di sciacca in aeroporto palermo 2

Sciacca vola, con il suo storico Carnevale. La Città, il suo territorio, e lo storico evento sono presenti dentro l’aeroporto “Falcone e Borsellino” di Palermo. È quanto rende noto il vicesindaco e assessore al Turismo Filippo Bellanca.

“L’iniziativa – spiega – scaturisce dall’accordo stipulato dall’Amministrazione comunale con la Gesap, la società che gestisce lo scalo siciliano. Nell’area “arrivi”, sono stati collocati tre pannelli. Il primo promuove l’edizione 2018 del Carnevale di Sciacca, con l’effigie del carro allegorico vincitore dello scorso anno, con lo scorcio dell’antico palazzo dello Steripinto e lo slogan “il più allegro, il più coinvolgente”. Gli altri due pannelli sono dedicati a “Sciacca turismo”, con le immagini delle sue risorse monumentali e paesaggistiche”.

“L’Amministrazione comunale – aggiunge l’assessore Bellanca – ha voluto dare priorità all’intero territorio, sfruttando l’occasione che ci ha messo a disposizione la Gesap, che ringrazio. Abbiamo così fatto diventare il Carnevale di Sciacca traino di promozione turistica di tutta la città e delle sue attrazioni, in un luogo dove ogni giorno arrivano centinaia e centinaia di passeggeri da ogni parte del mondo. Così deve essere e così continuerà ad essere per il futuro. Il Carnevale di Sciacca è turismo”.

Il vicesindaco Filippo Bellanca rende, infine, noto che si è programmata un’esibizione dei gruppi mascherati, per portare lo spirito della festa dentro l’importante scalo aeroportuale. La data dello spettacolo sarà comunicata a breve.

Di seguito i pannelli visibili all’aeroporto di Palermo, dedicati alla città di Sciacca e al suo storico Carnevale.

carnevale di sciacca in aeroporto palermo 2 bis

carnevale di sciacca in aeroporto palermo 4 bis

carnevale di sciacca in aeroporto palermo 3 bis

Abiti d’epoca dell’Ottocento siciliano, mostra al Museo Scaglione

mostra abiti d'epoca museo scaglione - locandina 2

“Eleganza e fascino”. È il titolo della mostra di abiti d’epoca in allestimento nelle sale del Museo Scaglione, in piazza Don Minzoni. L’iniziativa è dell’assessorato al Turismo e allo Spettacolo del Comune di Sciacca, retto dal vicesindaco Filippo Bellanca, e dell’associazione La danza, presieduta da Biagio Abbruscato e con la direzione artistica di Aurelia Lalicata. L’iniziativa si svolgerà in collaborazione con la cooperativa Agorà.

La mostra sarà inaugurata sabato 20 gennaio 2018, alle ore 17,30. L’ingresso per l’inaugurazione è gratuito. 

Sarà poi possibile visitarla nei giorni di apertura del museo Scaglione, fino al prossimo 3 febbraio.

Saranno esposti, spiegano gli organizzatori, abiti nobiliari dell’aristocrazia siciliana, dell’800 e dei primi del ‘900.

Domani, nel giorno dell’inaugurazione, gli abiti saranno indossati da ragazze dell’associazione La Danza, aderente ai gruppi storici italiani. In un ambiente museale ricco di arredi e di reperti antichi, vivrà così una pagina della storia siciliana. Nei giorni successivi, gli abiti potranno essere ammirati su dei manichini.

mostra abiti d'epoca museo scaglione - locandina

Fatture Eas, il sindaco Valenti contesta gli avvisi di pagamento

municipio comune sciacca

Il sindaco Francesca Valenti interviene sulla contestata legittimità degli avvisi di pagamento per consumi idrici relativi agli ultimi anni di gestione Eas. In una lettera al commissario liquidatore dell’Ente Acquedotti Siciliani, il sindaco chiede di chiarire diversi aspetti contestati dai cittadini “che in questi giorni si sono rivolti agli uffici comunali per lamentare l’illegittimità degli avvisi di pagamento riferiti a fatture di tanti anni fa (2008 e pregressi)”. Il sindaco illustra tutte le contestazioni, affermando in un passaggio che “in relazione a quanto riportato, i crediti sono ormai inesigibili in quanto sottoposti al termine prescrizionale quinquennale previsto dall’articolo 2948, n. 4, del Codice Civile”.

“Per dovere istituzionale di tutela della comunità che rappresento e registrata la comune condivisione di analisi e intenti emersa in un incontro tra l’Amministrazione comunale, i consulenti fiscali e i responsabili dei centri di assistenza fiscale” il sindaco Francesca Valenti rivolge all’Eas quattro richieste. All’Ente Acquedotti Siciliani, il sindaco chiede intanto di voler chiarire il perché della presenza di dati mancanti e incompleti sugli avvisi di pagamento; di chiarire poi il riferimento a ipotetici precedenti solleciti emessi; di conoscere l’entità degli avvisi inviati; di valutare quindi l’invio di una comunicazione per il differimento delle scadenze di pagamento, “per consentire ai cittadini di intraprendere tutte le azioni in difesa dei propri legittimi interessi, in primis l’annullamento per prescrizione”.

Il Carnevale di Sciacca rende omaggio a Vito Maggio

 

VITO MAGGIO

Il sindaco Francesca Valenti, il vicesindaco e assessore al Turismo e allo Spettacolo Filippo Bellanca esprimono il proprio cordoglio, personale e dell’Istituzione che rappresentano, alla moglie, ai figli di Vito Maggio, operatore culturale, promotore di tante iniziative, molte legate al Carnevale di Sciacca, scomparso prematuramente la notte scorsa.

Vito Maggio anche quest’anno avrebbe voluto vivere da ideatore, promotore e protagonista un evento legato al Carnevale di Sciacca. Era già stato contattato dal Comune di Sciacca per organizzare un momento a lui dedicato, proprio nel trentennale della sua partecipazione allo storico evento. E Vito Maggio si era già messo in moto per dare il proprio contributo e festeggiare in questo modo un importante traguardo. Esaudendo questo suo ultimo desiderio, i familiari – la moglie Antonella, i figli Martino e Pier Vincenzo – hanno dato l’assenso a proseguire nell’organizzazione dell’iniziativa dedicata a Vito Maggio, mettendo a disposizione tutto il materiale necessario e offrendo pure il proprio contributo.

L’edizione 2018 del Carnevale di Sciacca renderà così omaggio a uno dei personaggi ormai storici legati in modo appassionato e continuo alla festa: Vito Maggio, insegnante di scienze in pensione, curatore da sempre di eventi di satira di alto valore che hanno riscosso sempre interesse e curiosità.

La sua prima rassegna di satira grafica  risale al 1988.

Il Comune di Sciacca – con la collaborazione del Circolo di Cultura di cui era socio e con cui aveva realizzato tanti eventi, della Melqart Communication con cui aveva da tempo rapporti editoriali – ha pensato di confermare l’allestimento di una mostra antologica che, attraverso locandine, vignette umoristiche, cartoline, ripercorrerà le tappe più significative della sua instancabile attività che non è legata solo al Carnevale. Vito Maggio si è anche occupato di campagne contro la mafia e il razzismo e azioni di sensibilizzazione su diversi temi, con il coinvolgimento di tanti artisti, di livello nazionale e internazionale.