Terme di Sciacca, chiesto incontro urgente a presidente della Regione e Commissione Bilancio Ars

terme facciata da parco

Un incontro urgentissimo col presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, a�?individuato come interlocutore unico e decisivoa�? per portare a soluzione la questione delle Terme di Sciacca, chiuse dal 6 marzo 2015 su deliberazione della��assemblea dei soci. A? stato chiesto dopo la��incontro che si A? tenuto ieri, lunedA� 5 ottobre 2015, nella��aula consiliare a�?Falcone e Borsellinoa�? tra i rappresentanti istituzionali e politici del Comune di Sciacca e i parlamentari regionali e nazionali del territorio. CosA� come A? stato concordato, dal sindaco Fabrizio Di Paola, dal presidente del Consiglio comunale Calogero Bono, dai consiglieri comunali e dai parlamentari presenti a�� Salvatore Cascio, Angelo A�Capodicasa, Michele Cimino, Enzo Fontana, Maria A�Iacono, A�Matteo Mangiacavallo, Giuseppe Marinello, Giovanni Panepinto, Gea SchirA? a�� A? stata indirizzata una richiesta di incontro al presidente della Regione Rosario Crocetta, agli assessori alla��Economia e alla Salute, al presidente della Commissione Bilancio e Programmazione della��Assemblea Regionale Siciliana.

A�

a�?Nel corso del confronto a�� A? scritto nella richiesta di convocazione urgente alla Regione a�� A? emersa la��esigenza di incontrarsi nuovamente e con urgenza con il Presidente della Regione Siciliana dopo le note vicissitudini di questi mesi che hanno portato a un nulla di fatto, nonostante i continui e instancabili sforzi profusi.

Per dare una svolta positiva alla questione termale, occorre dare una decisa impronta politica e non economico aziendale.

La��incontro col Presidente della Regione, individuato come interlocutore unico e decisivo, dovrA� servire a:

1)A�A�A�A�A� Trovare una immediata soluzione per riaprire nel giro di pochi mesi le Terme di Sciacca;

2)A�A�A�A�A� Evitare che il depauperamento in corso porti alla rovina e perdita di valore della��intero patrimonio;

3)A�A�A�A�A� Definire una strategia che porti alla��emissione della��avviso pubblico per la gestione privatistica pluridecennale, cosA� come peraltro stabilito dalla��art. 21 della Legge Regionale n. 11 del 2010.

A? emersa altresA� la��esigenza A�di una audizione con la Commissione Parlamentare a�?Bilancio e programmazionea�? della��Ars, alla presenza degli assessori regionali alla��Economia e alla Salute, dei dirigenti e funzionari competenti, al fine di approfondire la questione termale anche da un punto di vista normativo e superare ogni ostacolo burocratico. Le Terme di Sciacca devono diventare una prioritA� della Regione Siciliana, proprietaria del patrimonio. Il Governo e il Parlamento debbono fare in modo che ritornino in attivitA� al piA? presto. Le Terme rappresentano una risorsa da salvaguardare, non solo di Sciacca ma della��intera Sicilia con la loro antica storia, il loro fiero elemento identitario, il loro essere attrattore turistico, motore di sviluppo e di occupazione, centro di salute e benessere che in tanti ci invidianoa�?.

Una nota di solidarietA� A? giunta dal presidente della��Anci Sicilia Leoluca Orlando in cui assicura a�?la��impegno della��Associazione per preservare la struttura termale e per consentire il suo rilancio in funzione dello sviluppo del territorioa�?.

“Il Cielo da��Italia”, pannelli con ceramica di Sciacca alla��ExpA? e al Museo delle Scienze di Teramo

ceramica in panchina

Ca��A? anche la ceramica di Sciacca nel progetto nazionale a�?Il Cieloa��Italiaa�? che si A? concretizzato con la realizzazione di una opera composta da pezzi provenienti da altri 30 comuni della��Associazione Italiana CittA� della Ceramica (Aicc) che hanno aderito alla��iniziativa. Un imponente pannello, con tutte le tavelle provenienti dalle localitA� partecipanti, A? esposto al Museo Parco della Scienza di Teramo per poi essere trasferito al Mic di Faenza. Un altro manufatto, rappresentativo, A? esposto anche alla��ExpA? di Milano, nel padiglione Eataly grazie alla��intervento del critico da��arte Vittorio Sgarbi.

Ne danno comunicazione il sindaco Fabrizio Di Paola, vice presidente nazionale Aicc, e la��assessore alla Promozione della Ceramica Salvatore Monte. A�a�?Ea�� un altro importante traguardo per i nostri ceramisti e la loro arte secolare a�� dicono a��. Sono vetrine che ci consentono di veicolare e promuovere questa preziosa e ammirata arte secolare e la nostra cittA�, in tutto il mondo. Vogliamo ancora una volta ringraziare quanti hanno dato il loro contributo, decorando le mattonelle con i disegni, i colori e le caratteristiche decorative della tradizione saccense: i ceramisti Licata, Cascio, Sabella, Soldano, Toto, Gurreri, Trapani; i ragazzi liceo artistico a�?Bonachiaa�� e gli allievi della��accademia di belle arti a�?Eleonora da��Aragonaa��a�?.

ceramica di sciacca a il cielo d'italia